::: Poker Sportivo, Texas Hold'em, freeze out, all in, tornei poker - regole e Guide al Poker :::
 
 
Notte in ITALIA
 
   
   
   
   
   
   
   
   
 
ROMA 360°
 
   
   
 Cinema Roma 
 Concerti Roma 
 Lavorare Roma 
 Casting Roma 
 Curiosità Roma 
 S.Valentino 
   
 
Servizi Crazy
 
 Animazione  
   
   
 Limousine 
   
 
Crazy Web
 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
 
Crazy Turismo
 
 Offerte Viaggi  
   
   
   
   
   
 
 
POKER SPORTIVO - “TEXAS HOLD'EM”


Al Via il Torneo di Poker Sportivo piu' amato nel mondo

A BREVE INSERIREMO LE DATE
DEL NUOVO TORNEO
CHE SI SVOLGERA' PRESSO IL CIRCOLO
"CITY HOLDEM"


VIA REGGIO EMILIA 18

per info sui tornei a roma romachegioca

REGOLAMENTO
REGOLAMENTO TORNEO POKER SPORTIVO

“TEXAS HOLD'EM”

SEZIONE 1 - COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO
La direzione farà il possibile per garantire un ambiente confortevole per clienti e dipendenti, ma non è responsabile del comportamento dei singoli giocatori.
È stato fissato un codice di comportamento: chiunque lo violi potrà essere
estromesso dal gioco. Quanto segue è espressamente vietato:
Comportamento fraudolento con altri giocatori e qualsiasi tipo di azione volta a
determinare l'esito di una mano.
Minacce fisiche o verbali a clienti e dipendenti.
Uso di un linguaggio empio oppure osceno.
Comportamento fonte di disturbo con discussioni, urla o rumori di livello
eccessivo. Lanciare, piegare, strappare o accartocciare le carte.
Distruzione o danneggiamento della proprietà.
Utilizzo di sostanze illegali, Portare con se un' arma.


ETICHETTA DEL POKER
Le seguenti azioni sono sconvenienti e possono portare ad ammonizioni,
sospensioni o espulsioni di coloro che le compiono:
Agire deliberatamente al di fuori del proprio turno.
Gettare deliberatamente delle chip nel piatto.
Accettare il check di una mano con un terzo giocatore all in.
Leggere la mano di un altro giocatore allo showdown, prima che questa sia
stata deposta scoperta sul tavolo. Chiedere ad altre persone di scoprire una
mano allo showdown.
Rivelare il contenuto di una mano in gioco durante un piatto a più mani, prima
del completamento delle puntate. Rivelare il contenuto di una mano scartata
prima del completamento delle puntate. Non è consentito comunicare una
mano, durante il gioco, anche se l'interlocutore non partecipa al piatto:
questo per evitare qualsiasi rischio che le informazioni vengano trasmesse
ai giocatori attivi.
Rallentare senza motivo l'azione di gioco.
Scartare deliberatamente la propria mano lontano dal muck. Le carte devono
essere gettate rasente al tavolo, con velocità moderata (non sulle mani del
mazziere, oppure sulle chip). Accumulare le chip in modo che interferiscano
con la distribuzione o la visione delle carte. Influenzare in modo arbitrario
l'andamento del gioco, con parole o azioni, sia dall'interno
che dall'esterno della mano. Usare un telefono cellulare al tavolo da gioco.

SEZIONE 2 - POLITICHE DELLA DIREZIONE DI GIOCO

DECISIONI

1. La direzione si riserva il diritto di assumere decisioni di propria iniziativa,
improntate allo spirito dell'imparzialità, anche qualora un'interpretazione
letterale del regolamento potesse indicare una decisione di tipo diverso.
2. Le decisioni del supervisore di turno sono inappellabili.
3. Il momento corretto per segnalare errori o irregolarità e al loro
accadimento, oppure non appena vengono notati. Qualsiasi ritardo può avere un effetto sulle decisioni prese.
4. Se un'interpretazione errata delle regole o una decisione, da parte di un
dipendente, sono in buona fede, la direzione non può essere ritenuta
responsabile.
5. Una decisione relativa a un piatto può essere presa solo se viene
richiesta prima della distribuzione di carte seguente (o prima della fine
della partita, o dello spostamento a un altro tavolo). In tutti gli altri casi,
il risultato rimane definitivo. Una mano viene considerata come iniziata
quando il mazzo viene mischiato.
6. Se un piatto è stato assegnato per errore e unito a chip che non ne facevano
parte, e il limite di tempo per la richiesta di intervento appena esposto
è stato rispettato, la direzione può determinare l'ammontare del piatto,
ricostruendo le puntate, per poi trasferire l'ammontare in chip al giocatore
che le ha legittimamente vinte.
7. Per non arrestare l'azione, è possibile che una partita venga fatta
continuare anche se una decisione viene momentaneamente rinviata.
Il rinvio può essere necessario per consultare eventuali registrazioni
video, attendere l'arrivo del supervisore di turno o altri motivi.
In questo caso, un piatto o una sua parte possono essere bloccati dalla direzione, in attesa della decisione.
8. Una medesima azione può avere significati diversi a seconda di chi
la mette in atto, per cui verrà preso anche in considerazione il possibile
intento di chi viola una norma. Fra i fattori rientrano l'esperienza nel poker e il comportamento precedente.


PROCEDURE

1. Sarà la direzione a decidere quando iniziare o concludere una partita.
2. Le quote di iscrizione vanno versate in anticipo.
3. Ai tavoli non è consentito l'uso del contante, che deve essere cambiato
in chip per poter giocare. Le chip provenienti da altre sale da gioco non
sono ammesse al tavolo, né durante la partita, e sono gestite in modo
similare al denaro in caso di entrata in gioco non prevista.
4. Denaro e chip si possono rimuovere, per motivi di sicurezza, quando
ci si allontana dal tavolo. La direzione non assume responsabilità per
sottrazioni o furti delle chip lasciate sul tavolo durante l'assenza di un
giocatore, anche se farà comunque del suo meglio per evitare
che questo accada. Tutti i fondi rimossi devono essere riposizionati
al momento del ritorno al tavolo.
5. Tutte le partite si disputano con le chip presenti al tavolo (con
l'eccezione del "gioco in ritardo", come definito nel punto seguente).
Solo le chip situate di fronte a un giocatore prima dell'inizio della
distribuzione di carte possono essere usate nella mano in questione,
con l'eccezione delle chip già acquistate e non ancora ricevute.
L'ammontare acquistato deve essere annunciato al tavolo.
La conoscenza della quantità di chip in gioco per ogni avversario è un
fattore importante del poker: per questo tutte le chip e il denaro devono
essere mantenuti sempre visibili.
6.Non è consentito l'uso del rack al tavolo da gioco. L'utilizzo del rack
è consentito solo per gli spostamenti da tavolo a tavolo o per le pause.
7. Una mano può essere giocata da una persona soltanto.
8. Nessuno può giocare usando le chip di un altro giocatore.
9. Prima di prendere posto a un tavolo, si deve ottenere il permesso.
10. La sostituzione del giocatore non è permessa senza il consenso
del direttore di sala. È necessaria una lista di attesa. Il permesso
del giocatore assente non è necessario per la sostituzione.
11. Il tempo massimo per riflettere su ogni giocata è di 30 secondi per
consentire un rapido svolgimento della gara. La direzione si riserva di
derogare a tale principio in alcuni particolari momenti
(ultime mani del tavolo finale).
12. Non sono permesse le Pushing bets. (“saving” or “potting out”)
13. Non è consentito il pushing an ante, oppure puntare per un'altra persona.
14. La divisione della posta non è mai consentita. Il chop del grande
e piccolo buio, riprendendola in mano quando tutti gli altri giocatori hanno
scartato, è ammesso nelle partite con bottone.
15. Non sono consentite proposte di assicurazione sulla mano quali tirare
due o tre volte le community cards.
16. Il limite di puntata non può essere modificato, neppure su richiesta
di due o più giocatori. L'aumento di tale limite è soggetto
all'approvazione del direttore.
17. I giocatori devono mantenere visibili le loro carte.
Questo significa al di sopra del livello del tavolo e non oltre il suo margine.
Le carte non possono essere coperte interamente con le mani.
18. Tutti i giocatori devono avere una visuale chiara delle chip degli
avversari. Le chip dal valore più elevato devono essere le più visibili.
19. Le chip possono essere rimosse se il giocatore rimane lontano
dal tavolo per più di 30 minuti. L'assenza può essere prolungata solo
previa comunicazione a un addetto. Assenze frequenti, o continue,
possono portare alla rimozione dal tavolo delle chip di un giocatore.
20. Un mazzo nuovo deve essere usato per almeno un turno completo
(un giro del tavolo) prima di poter essere cambiato. Un nuovo mazzo deve
essere utilizzato per almeno un'ora, a meno che un mazzo sia difettoso o
danneggiato, o le carte diventino appiccicose.
21. Non è consentito guardare le carte scartate o quelle nel mazzo (deck stub).
22. Una volta distribuite le carte, il mazziere non può mostrare la carta
che sarebbe stata distribuita in seguito.
23. Ogni giocatore deve prestare attenzione alla partita, senza rallentare
l'azione di gioco. Ogni attività volta a interferire con quanto appena
esposto sarà ripresa e al giocatore sarà richiesto di interrompere il
comportamento origine del problema.
24. Al tavolo possono sedere esclusivamente i giocatori.
25. Durante il gioco non è consentito esprimersi in lingue diverse dall'Italiano.


POSIZIONAMENTO
1. Un giocatore non può riservare un posto in più di un tavolo o di un torneo alla volta.
2. La direzione si riserva il diritto di richiedere a due giocatori di non sedersi allo stesso tavolo (moglie e marito, parenti, soci, eccetera).
3. All'inizio di una partita con bottone, i giocatori attivi estraggono una carta per definire la posizione del bottone, che sarà concesso alla carta più alta, in base al seme e alla carta più bassa sempre in base al seme per i giochi Low ( lowball, ecc )
4. Per risolvere una discussione sull'assegnazione dei posti, il direttore del torneo può decidere di consentire un posto extra oltre il numero normale dei partecipanti al tavolo. Il posto aggiunto sarà rimosso il prima possibile.

SEZIONE 3 – REGOLE GENERALI DEL POKER

ERRORI NELLA DISTRIBUZIONE DELLE CARTE

1. Le seguenti circostanze rappresentano un errore nella distribuzione delle carte, se l'errore viene richiamato all'attenzione prima che due giocatori abbiano agito nella mano (in caso contrario, la mano deve essere giocata fino alla conclusione, come da regola 2).
(a) La prima o la seconda carta della mano sono state distribuite scoperte, oppure sono state scoperte, per via di un errore del mazziere.
(b) Due o più carte sono state scoperte dal mazziere.
(c) Vengono riscontrate due o più carte rovesciate (voltate a faccia in su).
(d) Nelle mani iniziali sono state distribuite due o più carte extra.
(e) Un giocatore ha ricevuto un numero errato di mani. Se la carta in cima al mazzo viene assegnata nella sequenza corretta, però, può essere mantenuta.
(f) Qualsiasi carta è stata distribuita al di fuori della sequenza corretta (con l'eccezione di una carta scoperta, che può essere sostituita dalla carta bruciata prima del flop).
(g) Il bottone era fuori posizione.
(h) La prima carta è stata assegnata in posizione sbagliata.
(i) Le carte sono state distribuite a una sedia vuota o a un giocatore che non può prendere parte alla mano.
(j) Un giocatore è stato escluso, mentre ha diritto di prendere parte alla mano. Questo giocatore deve essere presente al tavolo, o avere puntato un buio o un ante.
2. Una volta iniziata la mano, non è più possibile segnalare errori nella distribuzione. La mano verrà giocata fino alla sua conclusione e qualsiasi giocatore sia stato danneggiato non verrà risarcito. Nelle partite con bottone, la mano viene considerata come iniziata quando due giocatori dopo i bui hanno svolto il proprio turno di gioco.

DEAD HAND

1. Una mano viene dichiarata "dead" se:
(a) Il giocatore scarta, oppure annuncia l'intenzione di scartare, di fronte a una puntata o un rilancio.
(b) Il giocatore allontana da sé le carte con un movimento in avanti, facendo entrare in gioco quello seguente (anche non a fronte di una puntata).
(c) La mano non contiene il giusto numero di carte per quel gioco.
(d) Il giocatore gioca una mano con un jolly fra le sue carte, quando la partita non prevede l'uso del jolly (se un giocatore gioca senza osservare le sue carte, si assume la responsabilità di vederle annullate qualora una di esse non sia valida, come da regola 8).
(e) Lasci scadere il tempo limite in presenza di una puntata o di un rilancio.
2. Le carte scartate possono essere considerate non più attive. Una mano chiaramente identificabile, però, può essere recuperata a discrezione della direzione, qualora ciò fosse nell'interesse della partita.. Faremo ogni sforzo per considerare come recuperabile una mano scartata in seguito a informazioni errate fornite al giocatore.
3. Le carte buttate sulla mano di un altro giocatore sono considerate non più attive, che siano scoperte o meno.

IRREGOLARITÀ
1. Se, in una partita con bottone, si rileva che quest'ultimo è stato posizionato in modo errato nella mano precedente, il bottone e i bui vengono corretti per la nuova mano, in modo da fornire, se possibile, una possibilità in ogni posizione del giro a ogni giocatore.
2. Il giocatore deve sempre proteggere la propria mano. È possibile proteggere le proprie carte con le mani, con una chip o con un altro oggetto posizionato sopra di esse. Se le carte non vengono protette, è possibile che vengano dichiarate non valide. (ad esempio se accidentalmente il dealer le ritira)
3. Se durante una mano compare una carta dal dorso di colore diverso, l'azione viene considerata nulla e tutte le chip nel piatto vengono restituite ai rispettivi proprietari. Se una carta dal dorso di colore diverso viene trovata nel mazzo, l'azione rimane valida.
4. Se due carte dello stesso valore e seme vengono trovate nel mazzo, l'azione viene considerata nulla e tutte le chip nel piatto vengono restituite ai rispettivi proprietari (in base alla regola seguente).
5. Un giocatore che si accorge di un problema del mazzo è tenuto a segnalarlo immediatamente. Se, invece, tale giocatore tenta di vincere un piatto agendo in modo aggressivo (cercando di ottenere un vantaggio), tale giocatore può perdere il diritto al rimborso e le chip possono essere lasciate nel piatto per la mano seguente.
6. Se nel piatto di una mano rimane del denaro extra, come risultato di denaro risultante dalla mano precedente (in base alla regola 5) o per motivi simili, solo i giocatori che hanno preso parte alla mano precedente possono partecipare alla mano.
7. Una carta trovata a faccia rivolta verso l'alto nel mazzo sarà considerata non valida a tutti gli effetti. Questa carta sarà sostituita da quella situata immediatamente sotto nel mazzo, a meno che questa non sia stata già consegnata, a faccia coperta, a un altro giocatore, e unita ad altre carte. In questo caso, la carta a faccia rivolta verso l'alto sarà sostituita dopo che tutte le altre carte del turno in corso saranno state servite.
8. Un jolly, in una partita dove non ne è previsto l'uso, viene considerato carta non valida. La scoperta di un jolly non causa l'annullamento di una mano. Se tale scoperta avviene prima che un giocatore compia la sua azione, il jolly viene sostituito in base alla regola precedente. Se, invece, il giocatore non richiama l'attenzione sul jolly prima di agire, la sua mano viene considerata non valida.
9. Se un giocatore gioca una mano senza osservare tutte le sue carte, si assume la responsabilità di vederle annullate qualora una di esse non sia valida o sia un jolly in una partita che non ne prevede l'uso.
10. Una o più carte che risultino mancanti dal mazzo non invalidano i risultati di una mano.
11. Se il mazziere distribuisce una carta di troppo prima della prima serie di puntate, questa viene rimessa nel mazzo e usata come carta bruciata prima del flop.
12. Le procedure da adottare per una carta scoperta variano a seconda della forma di poker e sono descritte nella sezione dedicata alle regole del gioco. Una carta che viene mostrata per un istante dal mazziere è considerata carta scoperta. Per decidere se una carta è stata scoperta e deve essere sostituita, un giocatore deve annunciare che la carta è stata scoperta, prima di guardarla. Una carta coperta che finisce fuori dal tavolo si considera scoperta.
13. Se una carta viene scoperta per via di un errore del mazziere, il giocatore non ha alcuna facoltà di decidere se prenderla o rifiutarla: la situazione sarà gestita in base alle regole della tipologia di partita in fase di svolgimento.
14. Le carte che cadono dalla mano del giocatore e finiscono a terra rimangono comunque in gioco.
15. Se il mazziere distribuisce per errore delle carte prima del completamento delle puntate, quelle carte saranno considerate non valide, anche se un giocatore che non ha ancora agito deciderà di scartare la sua mano.

PUNTARE E RILANCIARE

1. Il check-raise è consentito in tutte le partite.
2. Nelle partite no limit, non esistono limiti di rilancio.
3. Nel gioco testa a testa non vi sono limiti al rilancio. Questa regola si applica ogni volta che l'azione diventa testa a testa prima del raggiungimento del limite di puntata. Una volta raggiunto questo limite, un giocatore che scarta la sua mano, lasciandone in gioco solo altri due, non riapre la situazione.
4.Nel gioco limit un all in che non superi almeno della metà la puntata precedente non apre il possibile rilancio per i giocatori che erano già attivi nella mano, L'all in pari alla metà della puntata precedente è considerato come un rilancio valido ed apre la possibilità del controrilancio.(ad esempio su un giro di puntate di $20 l'all in che rilancia di 15 apre il possibile rilancio di $35)
5. Qualsiasi puntata deve essere equivalente almeno al valore dello small blind o di un precedente rilancio, a meno che un giocatore non vada all in.
6. La chip più piccola che può essere puntata durante una partita è quella più piccola in uso per ante, buio, tassa o raccolta. In alcune partite vive una regola particolare che non consente l'uso delle chip a uso interno durante il gioco. Le chip con valore inferiore alla chip minima ammessa non possono essere impiegate in gioco, anche se in quantità, per cui un giocatore che desideri usarle deve per prima cosa cambiarle, fra una mano e l'altra. Se le puntate sono in dollari o unità superiori, non è possibile puntare una frazione di dollaro. Un giocatore che va all in deve mettere nel piatto tutte le sue chip.
7. Un'affermazione verbale è vincolante per le intenzioni del giocatore. Se viene dichiarato fold, check, puntata, chiamata o rilancio, l'azione è obbligata.
8. Battere sul tavolo con la mano equivale a scartare le carte.
9. Non è consentito agire deliberatamente quando non è il proprio turno. Un giocatore che effettua il check fuori turno può vedersi privato del diritto a puntare o rilanciare nel turno seguente. Un'azione o una dichiarazione verbale al di fuori del proprio turno può essere considerata vincolante se non subentrano puntate, chiamate o rilanci da parte di un altro giocatore che agisce dopo che l'infrazione è stata commessa.
10. Per mantenere il diritto di azione, un giocatore deve fermare la partita chiedendo "tempo" (o pronunciando un termine equivalente). Se non fermerà l'azione prima che tre o più giocatori abbiano agito dopo di lui, potrà perdere il diritto di agire. Non è possibile rinunciare al diritto di agire prima del proprio turno, è necessario attendere il momento giusto. In base a quanto detto, se il giocatore aspetta qualcuno il cui turno viene prima del suo e tre o più giocatori agiscono dopo di lui, egli mantiene il diritto di azione.
11. Un giocatore che punta o chiama spostando delle chip nel piatto è tenuto all'azione. Se, comunque, il giocatore è all'oscuro di un rilancio del piatto, può ritirare il suo denaro e riconsiderare l'azione, posto che nessuno abbia già agito dopo di lui.
12. Nel gioco limit se il giocatore completa un azione con le chips prima del suo turno e questo causa l'azione del giocatore seguente si è tenuti a completare l'azione dichiarata
13. Non sono permessi rilanci in serie. Per proteggere il diritto al rilancio, è necessario dichiarare verbalmente la propria intenzione, o aggiungere la quantità di chip desiderata al piatto. Spostare nel piatto una puntata completa più mezza puntata, o più, viene considerato equivalente all'annunciare un rilancio, che deve quindi essere completato. Quanto appena detto non si applica nel caso di utilizzo di una singola chip di valore superiore.
14. Se il giocatore mette in gioco una singola chip di valore superiore alla puntata, senza annunciare un rilancio, si ritiene che abbia solo chiamato. Ad esempio nella struttura 3/6 quando un giocatore punta 6 e il giocatore seguente mette una chip da 25 (o di taglio superiore) senza dichiarare il rilancio questa puntata è da considerare come un call per cui di importo pari a 6.
15. Tutte le puntate e le chiamate che risultino essere troppo basse devono essere regolarizzate, se l'errore viene rilevato prima della chiusura della fase di puntate. Quanto appena detto comprende azioni come puntare una cifra inferiore alla minima richiesta (in casi diversi dall'all in) e la puntata del limite inferiore quando i limiti sono saliti di livello. Un giocatore che ha già agito non può in alcun caso cambiare una chiamata in rilancio dopo la modifica dell'entità della puntata.

LO SHOWDOWN

1. Per vincere qualsiasi parte di un piatto, un giocatore deve mostrare tutte le sue carte scoperte sul tavolo, a prescindere dal fatto che siano state o meno usate nella mano finale giocata.
2. Le carte parlano (si leggono da sole). Il mazziere aiuta nella lettura delle mani, ma i giocatori sono responsabili della custodia delle loro carte fino alla dichiarazione del vincitore. Anche se le dichiarazioni verbali in merito all'assegnazione di un piatto non sono vincolanti, reclamare deliberatamente una mano con l'intento di far scartare a un altro giocatore una mano vincente non è etico e può portare all'esclusione dal piatto.
3. Qualsiasi giocatore, mazziere o addetto della sala che si accorge di una quantità di chip errata posizionata nel piatto, o di un errore in fase di attuazione nell'assegnazione di un piatto, è tenuto a evidenziare subito il problema. Tutti devono cooperare per ridurre al minimo gli errori di questo tipo.
4. Tutte le mani perdenti saranno dichiarate nulle dal mazziere, prima che il piatto sia assegnato.
5.. Se un giocatore diverso dal vincitore del piatto chiede di vedere una mano che è stata scartata, la mano è considerata non valida. Se il vincitore del piatto chiede di vedere una mano perdente, entrambe le mani sono valide e la vittoria va alla migliore.
6. Visibili a uno, visibili a tutti. I giocatori hanno diritto a un accesso identico alle informazioni sul contenuto di una mano. Se, dopo la distribuzione delle carte, alcune carte vengono mostrate a un altro giocatore, tutti i giocatori seduti al tavolo hanno il diritto di vederle. Durante la distribuzione delle carte, le carte che sono state mostrate a un giocatore attivo che può ancora puntare nel giro di puntate in corso devono essere mostrate immediatamente a tutti gli altri giocatori. Se un giocatore che ha visto le carte non è coinvolto nella loro distribuzione, o non può utilizzare le informazioni ottenute ai fini della puntata, le informazioni non vengono divulgate fino alla conclusione delle puntate, in modo da non alterare la normale conclusione della mano. Le carte mostrate a una persona che non è più coinvolta nelle puntate nel turno attuale, ma potrebbe utilizzarle in un turno seguente, devono essere mostrate anche agli altri giocatori alla conclusione del turno in corso. Se soltanto una parte della mano è stata mostrata, le carte rimanenti non devono essere mostrate. Le carte mostrate vengono gestite come descritto nella parte precedente di questa regola.
7. Se tutti i giocatori fanno check (o sono all in) nell'ultima fase di puntate, la prima mano a essere scoperta è quella del giocatore che ha agito per primo. Se ci sono delle puntate, il primo a mostrare la mano è il giocatore che per ultimo a effettuato un'azione aggressiva, con una puntata o un rilancio. Per velocizzare il gioco, un giocatore convinto di aver vinto la mano può mostrarla senza attendere. Se è presente un piatto laterale, i giocatori che vi prendono parte devono mostrare le loro mani prima di chiunque altro che sia all in per il piatto principale.

PAREGGI
1. I semi non possono in alcun caso rompere un pareggio per la vittoria di un piatto.
2. La distribuzione di una carta a tutti i giocatori serve per determinare fattori come chi deve spostarsi a un altro tavolo. Se le carte vengono distribuite, l'ordine da seguire è quello orario, cominciando dal primo giocatore a sinistra del mazziere (la posizione del bottone non è rilevante). Le carte si pescano per determinare elementi come l'assegnazione del bottone in una nuova partita, oppure l'assegnazione delle sedie dopo un tavolo che si è sciolto.
3. Eventuali chip dispari saranno scomposte nelle chip di minor valore usate nella partita.
4. Nessun giocatore può ricevere più di una chip dispari.
5. Se due o più mani pareggiano, le chip dispari vengono assegnate come segue:
(a) In una partita con bottone, la prima mano in senso orario a partire dal bottone riceve la chip dispari.
(b) I piatti laterali e il piatto principale vengono divisi separatamente e non come se fossero un unico piatto.

SEZIONE 4 – BOTTONE E BLIND
Nelle partite con il bottone, solitamente le carte vengono distribuite da un mazziere che non prende parte al gioco. Un disco rotondo, definito bottone, viene utilizzato per indicare quale giocatore detiene la posizione del mazziere. Il giocatore con il bottone è l'ultimo a ricevere le carte nella distribuzione iniziale e chiude l'azione dopo la prima fase di puntate. Il bottone si muove in senso orario dopo la conclusione di una mano, per assegnare a tutti, a rotazione, il vantaggio della chiusura dell'azione. Uno o più bui sono solitamente usati per simulare un'azione e dare inizio al gioco. I bui sono puntate prima che i giocatori possano vedere le loro carte. I bui fanno parte della puntata di un giocatore, a meno che la struttura di una partita o una particolare situazione richiedano che un buio, in parte o totalmente, sia considerato "morto". Le chip morte non fanno parte della puntata di un giocatore. Con due bui, il piccolo buio viene puntato dal giocatore che segue in senso orario il bottone, mentre il grande buio tocca al giocatore a due posizioni in senso orario dal bottone. Con più di due bui, il piccolo buio è come sempre a sinistra del bottone (non sul bottone). L'azione, nel primo turno di puntate, viene iniziata dal primo giocatore a sinistra dei bui. In tutte le fasi seguenti, l'azione ha inizio dal primo giocatore attivo a sinistra del bottone.

REGOLE PER L'USO DEI BUI.
1. La puntata minima e il rilancio possibile per chi apre il gioco sono specificati dalla forma di poker usata e dall'ammontare dei bui.. Questi valori rimangono gli stessi anche se il giocatore in buio non ha chip sufficienti per coprire l'intera puntata.
2. In ogni turno i giocatori devono avere la possibilità di essere di bottone e devono rispettare la somma totale prevista dall'obbligo dei bui.. Per ottenere questo scopo può essere designato uno dei seguenti metodi di posizionamento di bottone e buio:
(a) Bottone mobile: il bottone si muove sempre passando al giocatore seguente e la posizione dei bui viene regolata di conseguenza.
(b) Bottone inattivo: il grande buio viene puntato dal giocatore a cui tocca e il piccolo buio e il bottone sono posizionati di conseguenza, anche se questo significa che piccolo buio o bottone siano assegnati a una sedia vuota, assegnando così allo stesso giocatore il privilegio di agire per ultimo per due mani.
3. Un giocatore che punta un buio ha la facoltà di rilanciare al suo primo turno di azione. Anche se le chip impegnate per il grande buio sono considerate una puntata, quest'opzione di rilanciare viene mantenuta se qualcuno va all in con una puntata inferiore al valore del rilancio minimo.
4. Nel gioco testa a testa con due bui, il piccolo buio spetta a chi è di bottone.

SEZIONE 5 - HOLD'EM

Nell'hold'em, i giocatori ricevono due carte coperte come mano personale, dopo di che si procede a un turno di puntate. Subito dopo vengono girate insieme sul tavolo tre carte (il "flop") e si svolge un nuovo turno di puntate. Le seguenti due carte sul tavolo vengono girate una alla volta, con un turno di puntate dopo ognuna di esse. Le carte sul tavolo si definiscono carte comuni: ogni giocatore può usare qualsiasi combinazione di cinque carte, scegliendo fra quelle sul tavolo e le sue carte personali. È anche permesso usare tutte le carte sul tavolo, senza ricorrere a quelle personali (giocare il tavolo). È presente il bottone del mazziere. Normalmente si usano due bui, ma è possibile giocare anche con una solo buio, bui multipli, ante o combinazione di bui ed ante.

REGOLE
Queste regole fanno riferimento esclusivamente alle irregolarità. Per le regole su bottone e bui, è necessario fare riferimento alla precedente sezione.
1. Se la prima o la seconda carta personale viene mostrata durante la distribuzione, si verifica un errore di distribuzione. Il mazziere riprende la carta, mischia nuovamente e taglia di nuovo il mazzo. Se qualsiasi altra carta personale viene esposta per via di un errore del mazziere, la distribuzione continua. La carta mostrata non può restare in gioco. Dopo il completamento della mano, il mazziere sostituisce la carta con la carta più alta presente sul tavolo e la carta mostrata viene utilizzata come carta bruciata prima del flop. Se vengono mostrate più di una carta personale, si verifica un errore di distribuzione e bisogna ridistribuire le carte.
2. Se il mazziere assegna per errore una carta in più al primo giocatore (dopo che tutti i giocatori hanno ricevuto le loro mani iniziali), questa carta viene rimessa nel mazzo e usata come carta bruciata prima del flop. Se il mazziere assegna per errore più di una carta, si verifica un errore di distribuzione.
3. Se il flop contiene più di 3 carte , deve essere ridistribuito. Questa regola si applica anche qualora fosse possibile risalire a quella che è la carta in più.
4. Se, prima di esporre il flop, il mazziere non ha bruciato una carta, o ne ha bruciato due, l'errore può essere ignorato se non sono state mostrate carte. In caso contrario, è necessario mischiare nuovamente il mazzo.
5. Se il mazziere non brucia una carta o ne brucia più di una, l'errore deve essere corretto qualora venga scoperto prima dell'inizio della fase di puntate. Una volta iniziata l'azione sulle carte sul tavolo, queste devono restare dove si trovano. A prescindere dal fatto che l'errore sia correggibile o meno, le carte seguenti saranno quelle che sarebbero state distribuite senza errore. Se, per esempio, sono state bruciate due carte, una di esse deve essere reinserita nel mazzo e usata come prossima carta bruciata prima del flop. Se non ci sono state puntate in un turno dato che un giocatore è all in, l'errore dev'essere corretto se viene scoperto prima dell'assegnazione del piatto.
6. Se il mazziere brucia e mette in gioco una carta prima del completamento del turno, questa non può essere usata, anche qualora i giocatori ancora in azione scartassero le loro mani. Nessuno ha facoltà di accettare o rifiutare la carta. Le puntate vengono completate e l'errore viene risolto secondo la procedura prevista.
7. Se il flop deve essere ridistribuito, per qualsiasi motivo, le carte sul tavolo vengono mischiate con il mazzo. La carta bruciata prima del flop rimane sul tavolo. Dopo aver mischiato, il mazziere taglia il mazzo e scopre un nuovo flop, senza bruciare una carta.
8. Un errore di distribuzione della quarta carta del tavolo si risolve in modo che influisca il meno possibile sulle carte sul tavolo già distribuite senza errori. Il mazziere rimuove la carta e scopre quella che sarebbe stata la quinta carta, che diventa a tutti gli effetti la quarta. Dopo questo turno di puntate, il mazziere mischia il mazzo, reinserendo la carta che era stata tolta dal gioco ma senza andare a inserire carte bruciate o carte scartate. Il mazziere taglia il mazzo e scopre l'ultima carta, senza bruciarne nessuna. Se la quinta carta viene mostrata prematuramente, il mazzo viene mischiato in base alla medesima procedura appena esposta

REGOLE NO-LIMIT
1. Il numero di rilanci in ogni turno di puntate è illimitato.
2. Tutte le puntate devono essere uguali almeno alla puntata minima, a meno che un giocatore non vada all in.La puntata straddle implica una nuova puntata minima ma non è considerata come un rilancio, La puntata minima rimane identica in tutti i turni di puntata.
3. Tutti i rilanci devono essere uguali o superiori all'entità della puntata o rilancio precedente nel turno di puntate in corso, con l'eccezione degli all in. Un giocatore che ha già fatto azione nella mano non può rilanciare una puntata all in che sia inferiore alla puntata minima.o inferiore all'ultima puntata o rilancio..La regola del rilancio di almeno la metà della puntata precedente che riapre la possibilità del controrilancio è valida solo per il limit poker.
4. Se un giocatore punta $100 ed il giocatore seguente va all in per $140, un giocatore che desideri rilanciare deve effettuare una puntata di almeno $240 (a meno che non vada in all in anche lui)
5. Apre la possibilità di controrilancio, solo un rilancio che sia di importo pari o superiore la puntata precedente.
Esempio: il giocatore A punta $100 e il giocatore B rilancia $100, con una puntata totale di $200. Se il giocatore C va all in per meno di $300 totali (non un rilancio completo di $100), e il giocatore A chiama, allora il giocatore B non può rilanciare ulteriormente poiché non è stato rilanciato del minimo rilancio consentito.(il giocatore A avrebbe potuto rilanciare,.). Se l'all in del giocatore C avesse ecceduto i $300 allora si qualificava il possibile rilancio anche del giocatore B.
6. In un torneo, le regole prevedono che il giocatore annunci un rilancio verbalmente, dichiarandone l'ammontare, o sposti le chip nel piatto con un singolo movimento, per evitare la cosiddetta string-bet.
7. Una puntata non è ritenuta vincolante fino a quando le chip non vengono aggiunte effettivamente al piatto, a meno che il giocatore non abbia affermato verbalmente le sue intenzioni.
8. In caso di discrepanze fra le affermazioni verbali di un giocatore e l'ammontare di chip spostate nel piatto, la puntata viene corretta in base all'affermazione verbale.
9. Se una chiamata è troppo bassa come importo, a causa di un errore di conto, è necessario correggere l'errore, anche se chi ha puntato ha già mostrato una mano superire.
10. Dato che l'entità delle puntate nel poker no-limit ha un'estensione molto ampia, un giocatore che ha agito in base a un evidente fraintendimento legato alla cifra puntata deve essere protetto. Una "chiamata" può essere ritenuta nulla se è ovvio che il giocatore ha frainteso l'entità dell'importo. Chi punta non deve mostrare la propria mano fino a quando le chip spostate nel piatto per una chiamata sembrano essere corrette, oppure fino a quando chi ha chiamato non ha dato prova di aver compreso appieno l'entità della chiamata stessa. La direzione si riserva la più ampia discrezionalità nel risolvere situazioni di questo tipo. Una possibile regola di applicazione generale è quella di rifiutare qualsiasi reclamo relativo a mancata comprensione della puntata se chi chiama ha già spostato nel piatto chip in misura pari o superiore all'ottanta per cento di tale cifra.
Esempio: un giocatore sposta una chip da 500 € nel piatto e dice a voce bassa: "Quattrocento". Un avversario sposta una chip da 100 € nel piatto e dice "Chiamo". Il primo giocatore mostra immediatamente la sua mano. Il mazziere annuncia: "Ha puntato 400 €", e lo sconfitto ribatte: "Pensavo che avesse detto 100 €!". In questo caso le regole di uso comune dicono che chi ha puntato sarebbe stato tenuto a non mostrare la sua mano, dato che l'ammontare di chip nel piatto era evidentemente insufficiente, e che la chiamata può essere ritirata. Bisogna inoltre tenere presente il carattere di ogni singolo giocatore, nel prendere una decisione: purtroppo spesso si presentano situazioni che non sono per nulla chiare come il presente esempio.
11. Una puntata costituita da una singola chip, senza alcun commento, si considera valida per l'intero ammontare della chip. Se, però, un giocatore sta chiamando una puntata precedente con una chip di valore superiore, questa viene considerata una chiamata, a meno di una dichiarazione verbale di rilancio (quanto appena detto vale anche per la chiamata della puntata obbligata del grande buio).
12. Se un giocatore punta o tenta di rilanciare con un importo inferiore al minimo previsto, ma ha altre chip, deve coprire l'ammanco (quanto appena detto non si applica a un giocatore che ha messo per errore troppe chip per una chiamata). La puntata viene aumentata solo alla puntata minima necessaria e non a valori più elevati.
13. Tutte le puntate devono essere nello stesso taglio di chip (o in tagli superiori) di quello usato per la puntata minima, anche qualora nella struttura dei bui fossero previste chip di taglio minore. Le chip di taglio inferiore sono comunque valide a tutti gli effetti e possono essere utilizzate nell'all in..
14. In tutte le partite, no-limit o pot-limit, la direzione ha il diritto di fissare un limite di tempo massimo per agire, quando è il turno di un giocatore. Il cronometro può essere fatto scattare dal mazziere, in base alle istruzioni di un addetto alla sala, se un giocatore lo richiede. Il giocatore che viene cronometrato mentre deve decidere come agire in seguito a una puntata ha mezzo minuto di tempo a propria disposizione. Verrà dato un avviso ai dieci secondi e, in mancanza di azione, allo scadere del tempo la mano sarà considerata come scartata.
15. La sala da gioco non fornisce il suo assenso per puntate "assicurate" o "proposte". La direzione non interverrà con sue decisioni in tali questioni e il piatto sarà sempre assegnato alla mano migliore. I giocatori sono pregati di astenersi dal proporre puntate di qualsiasi tipo

SEZIONE 15 - TORNEI

Prendendo parte a un torneo, si accetta di rispettare il regolamento e di comportarsi in maniera decorosa. Eventuali violatori potranno essere richiamati verbalmente, sospesi dal gioco per un periodo di tempo o squalificati dal torneo. Le chip di un partecipante squalificato vengono rimosse dal gioco. I giocatori non possono discutere una mano fino alla sua conclusione, a prescindere dal fatto o meno che vi prendano parte. I giocatori sono tenuti a rispettare sempre le altre persone sedute al tavolo: discutere le mani scartate o le mani possibili non è permesso. In caso di discussioni del genere durante una mano, può essere comminata una penalità.
1. Per quanto possibile, le regole sono le stesse valide per le partite cash.
2. I posti a sedere iniziali vengono determinati in modo casuale o per assegnazione
3. All'inizio dell'evento, per ogni partecipante pagante sarà posizionato sul tavolo il corretto ammontare iniziale di chip, a prescindere dalla sua presenza o meno.
4. Se un partecipante pagante è assente all'inizio dell'evento, si cercherà di contattarlo. Se il partecipante chiederà che le chip siano tenute in gioco fino al suo arrivo, si procederà in questo senso. Se non sarà possibile raggiungerlo, le sue chip potranno essere rimosse dal gioco, a discrezione del direttore, in qualsiasi momento dopo l'inizio di un nuovo livello di puntata, oppure dopo mezz'ora di gioco, a seconda dell'eventualità che si verifica per prima.
5. Lo stack di chip iniziale può essere posizionato su una sedia per fare posto a eventuali ritardatari (in modo che ante e bui siano correttamente pagati). Una sedia non assegnata potrà veder rimosso lo stack di chip dopo un tempo lasciato alla discrezione del direttore.
6. Un giocatore assente riceve comunque la sua mano. Dal suo stack saranno prelevate chip per ante e bui.
7. Il tutte le partite che utilizzano il bottone del dealer, la posizione iniziale del bottone viene determinata con il metodo dell'estrazione della carta più alta.
8. Limiti e bui vengono aumentati regolarmente a intervalli prefissati.(ogni 15 minuti)
9. Se c'è un segnale designato per la conclusione di un livello di puntata, i nuovi limiti avranno effetto dalla distribuzione di carte seguente (la distribuzione si considera iniziata quando si mescolano le carte).
10. Le chip di taglio inferiore in gioco saranno rimosse dal tavolo non appena la struttura di ante e bui non ne richiederà più la presenza. Tutte le chip di piccolo taglio che raggiungono il valore di altre chip saranno cambiate direttamente. Il metodo di rimozione delle chips di piccolo taglio è il seguente: distribuire a turno una carta ad ogni giocatore per ogni chips di piccolo taglio in eccedenza che possiede. Il giocatore con la carta più alta avrà diritto ad ottenere tante chips quante occorrenti per raggiungere il minimo taglio consentito ed ottenere il cambio, così di seguito per il giocatore con la seconda carta più alta ecc. In caso di carte uguali fa fede il seme. Un giocatore non può essere eliminato dall'evento da questa operazione, in questo caso lo stesso otterrà una chip del minimo taglio consentito prima che altri giocatori traggano vantaggio dal chip race.
11. Per arrestare l'azione di gioco con una richiesta di "tempo", un giocatore deve essere presente al tavolo.
12. Per prendere parte a una mano, un giocatore deve essere presente al tavolo entro il momento in cui tutti i giocatori hanno le loro mani iniziali (il mazziere eliminerà le mani di tutti i giocatori assenti subito dopo aver distribuito a ogni giocatore una mano iniziale).
13. Man mano che i giocatori vengono eliminati, i tavoli vengono sciolti in base a un ordine predefinito, con i giocatori dei tavoli sciolti che vengono riassegnati ai posti vacanti negli altri tavoli.
14. Dopo l'inizio del torneo non è possibile cambiare posto, se non su assegnazione del direttore.
15. Nelle partite con bottone, se un giocatore deve cambiare tavolo per equilibrare il gioco, sarà selezionato automaticamente il giocatore in attesa di giocare il grande buio. Questo giocatore riceverà la sedia più vicina al grande buio nel nuovo tavolo, qualora ve ne fosse più di una vacante.
16. I nuovi giocatori ricevono immediatamente la loro mano e assumono gli obblighi della posizione, comprese le posizioni di piccolo buio o bottone.
17. Il numero di giocatori a ogni tavolo sarà mantenuto, ove possibile, entro limiti equilibrati, trasferendo giocatori in base alle necessità. Quando sono presenti più di sei tavoli, la differenza fra i tavoli verrà mantenuta nell'ordine dei due giocatori. Se i tavoli sono sei, oppure meno, tale differenza rimarrà nell'ordine del singolo giocatore.
18. In tutti gli eventi vengono effettuati dei nuovi sorteggi quando rimangono tre, due e un tavolo. Questo nuovo sorteggio non è però previsto con tornei di dimensioni limitate, con soli quattro o cinque tavoli.
19. Un giocatore che dichiara all in e perde la mano, per poi accorgersi di una o più chip dimenticate, non può comunque proseguire il gioco: il giocatore viene eliminato dal torneo se l'avversario ha chip sufficienti a coprire quelle dimenticate (qualora sia concesso dal regolamento, però, è possibile effettuare un rebuy). Se non è ancora iniziata una nuova mano, il direttore può determinare che le chip appartengono al giocatore che ha vinto la puntata, se è ovvio che questo sarebbe accaduto con le chip regolarmente in gioco. Se la mano seguente è già iniziata, invece, le chip trovate vengono rimosse dal torneo.
20. Se un giocatore non ha chip sufficienti per un buio o una puntata obbligata, può comunque giocare per l'intero ammontare di chip che gli è rimasto. Un giocatore che punta un buio incompleto e vince non è tenuto a completare il buio..
21. Dopo l'eliminazione dal torneo, i giocatori devono abbandonare immediatamente la loro sedia.
22. Mostrando le carte durante una mano si danneggiano i diritti degli altri giocatori che stanno ancora partecipando all'evento e che desiderano eliminare altri giocatori. Un giocatore che partecipa a una puntata a più mani non può mostrare alcuna carta durante il gioco. In un testa a testa, un giocatore non può mostrare alcuna carta, a meno che l'evento non veda solo due giocatori residui, oppure qualora il vincitore prenda tutto. Se un giocatore mostra deliberatamente una carta, può essere penalizzato (ma la sua mano rimarrà comunque valida). Anche l'affermazione parlata della propria mano durante il gioco può essere sanzionata con una penalità.
23. Il limite nei rilanci vale anche nelle situazioni testa a testa (come eccezione, gli ultimi due giocatori di un torneo sono esenti da qualsiasi limite sui rilanci).
24. Nel gioco no limit, il giocatore deve dichiarare verbalmente la quantità del rilancio, oppure spostare le proprie chip davanti nella puntata con un movimento singolo. In caso contrario, la puntata viene considerata multipla (string bet).
25. Le chip estranee al torneo non possono essere portate al tavolo.
26. Le chip di maggior valore devono essere posizionate in modo da essere chiaramente visibili a tutti i giocatori seduti al tavolo.
27. Tutte le chip del torneo devono restare sul tavolo, in posizione visibile, nel corso dell'evento. Le chip rimosse dal tavolo vengono eliminate dall'evento e quest'azione può portare alla squalifica del giocatore.
28. Un comportamento inappropriato, come gettare le carte fuori dal tavolo, può essere punito con una penalità, come l'esclusione per un certo periodo di tempo. Un'infrazione più grave, come un comportamento prepotente o violento, può essere punito con l'espulsione dal torneo.
29. Il mazzo viene cambiato solamente al cambio del mazziere, a meno che una carta risulti danneggiata.
30. Il bottone del dealer rimane in posizione fino a quando i relativi bui sono sul tavolo. I giocatori devono puntare i bui a ogni mano. Per questo motivo, l'ultima azione può essere svolta per due volte dallo stesso giocatore, in caso di "dead button”
31. Nel gioco testa a testa con due bui, il piccolo buio è di bottone.
32. Quando un giocatore è all in e le puntate si sono concluse, tutte le mani vengono scoperte.
33. Se più giocatori vengono eliminati nel corso della stessa mano, quello che fra loro inizialmente aveva più chip viene classificato nella posizione migliore, per quanto riguarda premi in soldi o di altro tipo.
35. La direzione del torneo non è tenuta a intervenire su accordi privati, puntate esterne o redistribuzione dei premi fra i finalisti.
36. Non sono ammessi accordi privati da parte degli altri partecipanti all'evento, relativamente alla distribuzione del montepremi. Se, comunque, un accordo di questo genere viene portato a termine, il direttore può assicurarsi che venga rispettato, pagando le rispettive somme. Qualsiasi accordo privato che non comprenda uno o più partecipanti attivi è irregolare per definizione.
37. Il torneo deve essere portato avanti fino al suo completamento. Un accordo privato che rimuova tutto il montepremi dalla competizione è considerato come non etico.
38. La direzione si riserva il diritto di annullare qualsiasi evento, o di modificarlo in modo che sia comunque corretto nei confronti dei giocatori.

 
 
 
Toolbar Gratis per te
 

 
RISTORANTI di ROMA
 
 
Guida al POKER ed alle Scommesse Online
 
 
 
 
 
 
 

| Tornei Poker | Poker Sportivo| Texas Hold'em| All in| Freeze out | Poker Sold Out | Poker e Sale da Poker |

Ottimizzazione a 800x600 pxls - Per comunicazioni rivolgersi al webmaster - Copyright ©Crazygroup2001
Tutti i diritti riservati - Se vi appropriate del materiale contenuto in questo sito vi perseguiteremo nei secoli dei secoli, statene certi.
: : : INFO PER CAPODANNO A ROMA : :